Che differenza c’è tra Copyright e Copywriter?

 

copyright.

Sicuramente ti sarà capitato molte volte di fare confusione tra le due parole simili, ma di significati differenti tra di loro.

Ogni tanto capitava anche a me, quando ero a qualche corso e, mi capitava di fare degli esercizi di gruppo, c’era qualche persona che appena nominavo la parola Copywriter, pensavano che si trattava di…Copyright, invece non è la stessa cosa.

Ora ti spiego cosa significano ognuno di loro.

 

Che cos’è il Copyright?

Il significato di copyright, termine di lingua inglese che significa diritto di copia è, l’equivalente del diritto d’autore nei paesi come gli Stati Uniti, dal quale però differisce, sotto vari aspetti.

È solitamente abbreviato con il simbolo ©.

Quando tale simbolo non è utilizzabile si riproduce con la lettera “c” posta tra parentesi: (c) o (C).

Le prime norme sul diritto di copia (copyright) furono dileguate dalla monarchia inglese, con la volontà di operare un controllo sulle opere pubblicate nel territorio.

Poiché la censura era all’epoca una funzione amministrativa legittima come la gestione della sicurezza pubblica, avvertì il bisogno di controllare ed autorizzare la libera circolazione delle opinioni.

Ragion per cui fondò una corporazione privata di censori, i cui profitti sarebbero dipesi da quanto fosse stato efficace il loro lavoro.

Agli editori furono concessi i diritti di copia (copyright, appunto) su ogni stampa, anche per le opere pubblicate precedentemente.

La concessione prevedeva il diritto esclusivo di stampa, e quello di poter ricercare e confiscare le stampe ed i libri non autorizzati, di bruciare quelli stampati illegalmente.

Ogni opera, per essere stampata, doveva essere registrata nel Registro della corporazione, registrazione che era effettuabile solamente dopo un attento vaglio ad opera del Censore della corona, o dopo la censura degli stessi editori.

Ogni nuova opera, veniva annotata nel registro della corporazione sotto il nome di uno dei membri della corporazione il quale ne acquisiva il “copyright”, cioè il diritto esclusivo sugli altri editori di pubblicarla.

Il diritto sulle copie (copyright), perciò, nasce come diritto specifico dell’editore, diritto sul quale il reale autore non può quindi recriminare alcunché né guadagnare di conseguenza.

Basandosi sull’assunto che gli autori non disponessero dei mezzi per distribuire e stampare le proprie opere, mantennero tutti i privilegi acquisiti in passato con un’astuzia: attribuire ai veri autori diritti di proprietà sulle opere prodotte, ma con la clausola che questa proprietà, potesse essere trasferita ad altri tramite contratto.

Di lì in poi, gli editori non avrebbero più generato profitto sulle opere, ma semplicemente dal trasferimento dei diritti firmato (più o meno volontariamente) dagli autori, trasferimento in ogni caso necessario per la troppo costosa pubblicazione delle opere.

Nel corso dei successivi due secoli anche la Francia, la Repubblica Cisalpina, il Regno d’Italia, il Regno delle Due Sicilie e il resto d’Europa emanarono legislazioni per l’istituzione del copyright (o del diritto d’autore).

 

 Che cos’è il Copywriter?

Copywriting-scrivere-convincere

La parola Copywriting significa che sta scrivendo la copia del testo per fini di pubblicità o di marketing.

La copia ha lo scopo di convincere qualcuno ad acquistare un prodotto, o di influenzare le loro convinzioni.

Copywriter sono utilizzati per aiutare a:

  • creare direct mail,
  • slogan,
  • testi,
  • contenuto della pagina web,
  • annunci online,
  • e-mail,
  • contenuti Internet ,
  • manifesti,
  • lettere di vendita,
  • pagine dei media di comunicazione di marketing, etcc.

Internet ha ampliato la gamma di opportunità di copywriting per includere contenuti web, annunci, e-mail, blog, social media e altre forme di comunicazioni elettroniche.

Ha anche portato nuove opportunità per copywriter di imparare il loro mestiere.

Internet ha reso anche più facile per i datori di lavoro, copywriter e art director per trovare l’altro.

Come conseguenza di questi fattori, insieme a un maggiore uso di imprenditori indipendenti e freelance, è diventato una scelta di lavoro più praticabile, soprattutto in alcune specialità e mercati copywriting.

Concludendo il mio articolo, adesso, se non ti era chiaro prima, sai qual’è la differenza tra le due parole simili: Copyright e Copywriter. 🙂

Se invece già lo sapevi, ti sei fatto un ripasso. 🙂

Grazie ciao

MIAFIRMARIMPICCIOLITA