3 semplici passi per una Serie di follow up di benvenuto vincenti per i nuovi iscritti

Email-Marketing-follow-up-_opt-1140x795

Una curiosità: Attivando i messaggi e-mail di follow up automatici la media dei tassi di apertura è del 70,5 per cento in più e i tassi di click-through 152 per cento superiore a quello dei messaggi tradizionali, secondo Epsilon.

Si potrebbe pensare che sia un errore di battitura, ma non lo è. L’automazione delle e-mail di follow up è davvero così efficace – ed è uno dei modi più semplici per rendere efficaci le tue operazioni di marketing al livello successivo e renderti la vita più facile. Nella mia esperienza con alcuni clienti, in cui sono stato coinvolto per progetti di marketing che non hanno ancora abbracciato l’idea dell’automazione delle e-mail. Ma in realtà, l’automazione dell’e-mail di follow up può semplificare molti aspetti di sensibilizzazione – avete solo bisogno di sapere da dove cominciare.

Ogni viaggio comincia con un primo passo – e la strada dell’automazione delle e-mail strategica inizia con una serie di email di benvenuto.

Noi tutti amiamo i nuovi iscritti alla nostre liste. Stanno fortemente interessati, perchè vogliono il tuo contenuto (che è tutto nuovo per loro) e sono statisticamente più propensi a fare clic e nell’aprire le tue email.

Ma, ecco il problema: la storia che stai raccontando i tuoi iscritti di lunga data attraverso e-mail marketing non può avere senso per questi nuovi contatti. È per questo che avete bisogno di una serie di benvenuto – ti permette di controllare (nel senso di guidare e accompagnare) come i tuoi iscritti sono introdotti al vostro brand. Inoltre, crea fiducia e aiuta a stabilire un rapporto con il cliente. Le prime impressioni sono cruciali, e talvolta, una singola e-mail di benvenuto non è sufficiente per impostare questa fase.

Qui ci sono tre semplici passi per mobilitare una serie di benvenuto utilizzando l’automazione e-mail:

1. Personalizza il tuo messaggio.

Per prima cosa: Decidere che cosa dovete dire. Considerate le basi. Se qualcuno è nuovo alla tua mailing list, che cosa hanno bisogno di conoscere del tuo brand?

Se vendi un prodotto o servizio, la vostra serie potrebbe essere simile a questo:

-Come funziona il tuo prodotto o servizio?
-Come sei diverso dai tuoi concorrenti?
-Le persone che sono entusiaste di te (testimonianze).
-Una offerta speciale

Per le organizzazioni senza scopo di lucro, una serie potrebbe includere:

-La nostra storia e la missione
-Storie di impatto a cui abbiamo contribuito
-Un calendario di eventi dell’anno
-Vantaggi esclusivi per i donatori / membri

2. Costruire un quadro di riferimento per i messaggi personalizzati.

Una volta che sai quello che vuoi dire, decidere quando si deve dire. Creare un programma e di un piano di messaggistica. Ad esempio, è possibile inviare 4-6 messaggi ogni pochi giorni. O considerare di offrire ai nuovi iscritti una tips (trucco o suggerimento) giornaliera o settimanale impostate come conto alla rovescia “I migliori cinque trucchi per…“.

Non dimenticare di tenere a mente la lunghezza del tuo ciclo di vendita, anche. Se l’interlocutore tipico è più propensi ad acquistare nelle prime 48 ore, imposta la tua sequenza di conseguenza. Se il ciclo di vendita è più lungo, pianifica, significativi punti di contatto periodici nel corso di un paio di settimane.

3. Trattare la vostra serie di benvenuto come orientamento.

Hai mai camminato in un cinema quando il film era già iniziato? Questo è spesso quello che provano i nuovi iscritti. La prossima e-mail sul calendario potrebbe parlare di campagne o delle promozioni e loro non sono ancora pronti, creeresti confusione o, peggio, frustrazione.

Per assicurarti che i nuovi contatti sono pronti per i messaggi principali, attendi fino a che hanno percorso attraverso la serie completa di email di benvenuto. Ci sono diversi modi per fare questo a seconda del provider di servizi di posta elettronica, del tuo autorisponditore e di struttura della lista.

Se sembra facile, ma lo è. Una serie di benvenuto è solo uno strumento d’impatto che è possibile distribuire per istuire i tuoi nuovi iscritti attraverso l’automazione delle e-mail.

Stay tuned

 

Ti è piaciuto questo articolo, lascia un commento